Logo

shuhari-dojo-logo

Il logo del dojo SHUHARI è formato da:

shuhari-scritta-kanji

La scritta in kanji SHUHARI , nome del nostro dojo. SHUHARI è il termine utilizzato per descrivere le tra fasi dell’apprendimento di una disciplina marziale.


aikido-scritta-kanji

La scritta in kanji AIKIDO,  la disciplina marziale di origine giapponese che noi pratichiamo.

La carpa, KOI in giapponese, pesce ornamentale sempre presente gli stagni dei giardini giapponesi. La carpa è japanese-koi-fishestremamente popolare nella tradizionale giapponese: simbolo di forza d’animo, di coraggio, perseveranza, di colui che aspira a compiere grandi imprese senza temere gli ostacoli e le avversità che potrebbe incontrare. In Giappone si dice che, a differenza degli altri pesci che tentano di fuggire, quando si trova sul tagliere la carpa rimane immobile senza paura e affronta con dignità la lama de coltellaquiloni_carpeo, così come affrontava la morte un samurai. Secondo un’antica leggenda una carpa nuotò controcorrente lungo tutto il fiume Giallo per tentare di risalire la cascata sulla Porta del Drago. Chi riusciva nell’impresa avrebbe ricevuto come dono dagli dei l’immortalità. Così la carpa iniziò la sua impresa, e dopo aver superato ostacoli e spiriti malvagi raggiunse la sommità della cascata e fu ricompensata con il dono dell’immortalità e trasformata in un grande drago.

enso-circle

L’ENSO, significa cerchio e rappresenta il simbolo Zen dell’illuminazione, dell’universo, del vuoto, inteso come la potenzialità del tutto, lo stato germinale di tutte le cose. Solitamente il disegno dell’ENSO viene disegnato su carta di riso o seta, con un’unica pennellata di inchiostro, sottile o spessa, partendo da un qualsiasi punto. Il disegno non ha regole formali tranne una: l’ENSO deve essere realizzato con un unico gesto, senza alcuna possibilità di correzione. Per questo secondo lo Zen il modo in cui viene disegnato un ENSO rivela lo spirito dell’artista in quel preciso momento. Spesso l’Enso viene volutamente tracciato dischiuso a simboleggiare la sua infinitezza.